Quel grumo di…

di Vito D’Ambrosio

30 gennaio 1992 pomeriggio inoltrato. Entra nell’Aula Magna del Palazzaccio a Roma la prima sezione penale della Corte di Cassazione per leggere la sentenza definitiva sul maxi processo contro la mafia istruito da Giovanni Falcone. Il numero di imputati , più di 400, e dei reati contestati allungano assai la lettura, ma orecchie esperte capiscono molto presto che la Suprema Corte ha confermato le conclusioni del pool di magistrati, guidati da Falcone, nel costruire il processo forse più grande del mondo. Dopo la lettura e il ritiro della Corte, nella grandissima confusione tra il pubblico per capire quanto era accaduto, fra ergastoli confermati in massa, qualche annullamento con rinvio e nuovo calcolo delle pene, alcuni giornalisti amici mi chiedono se, come pubblico accusatore, insieme ad altri due colleghi (evento unico per i processi in Cassazione) ed amico personale di Falcone, sono contento della conferma per le sue tesi accusatorie, fondamento della catena di ergastoli ormai definitivi. Dopo essermi guardato dentro con attenzione, rispondo che dietro ad ogni ergastolo c’è un tale enorme grumo di dolore che parlare di contentezza non è concepibile per i rappresentanti delle istituzioni. Anche se dopo un mese di udienze (anche questo caso assai raro) non posso negare una asciutta soddisfazione professionale e la convinzione che l’impegno senza fine di tanti, dimostrato da pochi numeri (oltre 500.000 pagine di documenti, più di 7000 per la sentenza di primo grado e oltre 2000 per quella d’appello) ha portato alla riaffermazione della giustizia nei confronti di chi l’ha ferita tanto ferocemente e lungamente.
Così la pensavo allora. Così la penso oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.